homepageTrasportiTurismo

Il bike sharing nella nostra Euroregione

7175344217_9044f3974c

Uno dei modi migliori per muoversi in città è la bicicletta. Rispetta l’ambiente, fa bene alla salute e ci permette di muoverci velocemente.

La bici è anche un ottimo strumento per visitare una città, soprattutto i centri storici. Nessun problema per il parcheggio, per le ZTL o per il traffico.

Il problema sorge però quando visitiamo una città e non possiamo portarci la nostra bici (cosa che accade quasi sempre in verità). Cosa fare?

Oggi vogliamo presentarvi i principali servizi di bike sharing all’interno della nostra Euroregione, servizi che permettono di noleggiare una bici e muoversi in città senza alcuna difficoltà.

Ecco un rapido elenco con i siti internet di riferimento:

  • TORINO: il servizio di chiama ToBike (www.tobike.it) e ha 116 stazioni sparse per la per il bike sharing in città. Prevede diversi di tipi di abbonamento, da quello giornaliero a quello annuale.

 

 

  • ALTRE CITTA’ ITALIANE: sono numerosissimi i comuni che aderiscono al progetto “bicincittà”. L’elenco dei piccoli centri o delle grandi città (si va da Alessandria a La Spezia, da Cuneo a Novara ) della parte italiana della nostra Euroregione che offrono il servizio di bike sharing può essere consultato qui: http://www.bicincitta.com/comuni.asp

 

  • NIZZA: nella città della riviera il servizio si chiama “velobleu” (www.velobleu.org ). Anche qui è possibile utilizzare la bici per una prima mezz’ora gratuitamente. Oltre 200 stazioni coprono non solo la città ma anche i comuni limitrofi.

 

  •  MARSIGLIA: nel capoluogo della PACA il servizio si chiama “Le vélo” (http://www.levelo-mpm.fr/) ed è capillare: le stazioni sono situate a massimo 300 metri l’una dall’altra

 

  • LIONE: 340 stazioni costituiscono la rete del bike sarin di Lione (http://www.velov.grandlyon.com/). Con oltre 4.000 bici a disposizione è uno dei servizi più grandi ed estesi della nostra Euroregione

 

Il nostro elenco ovviamente non è esaustivo, ma testimonia come il fenomeno bike sharing sia ormai diffuso in tutta la nostra Euroregione. La prossima volta che visiterete una città, grande o piccola, consideratelo come un’opportunità da cogliere al volo, ma non dimenticate che può essere un’opportunità per muoversi anche nella vostra città!

Previous post

Nato il Parco naturale europeo Alpi Marittime Mercantour

Next post

Le offerte di lavoro della CCINICE

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *