Il Parco Nazionale di Port Cros

Se in questa estate 2013 vi recate nel Sud della Francia non potete perdervi una gita in uno dei tre Parchi Nazionali francese che sono ospitati all’interno del territorio dell’Euoregione Alpi-Mediterraneo: il Parco Nazionale di Port Cros, situato presso l’arcipelago delle isole Porquerolles difronte a Hyerès in P.A.C.A.

Nato il 14 dicembre 1963, è il secondo più vecchio parco nazionale francese dopo quello della Vanoise e festeggia anch’esso quest’anno i 45 anni dalla sua fondazione. L’isola al centro della riserva naturale fu donata allo Stato francese sotto la specifica clausola che ne venisse fatta una riserva naturale. Nel 1997 il Parco si è visto assegnare un “diploma”, a riconoscimento dei suoi sforzi, da parte del Consiglio europeo.

L’ente parco, oltre a gestire l’isola di Port-Cros, da cui il nome, amministra i patrimoni naturale e culturale della vicina Porquerolles, della penisola di Giens, delle vecchie saline di Hyères e di Capo Lardier. Si annoverano anche le isole di Bagaud, della Gabinière e di Rascas, con un perimetro marino di 600 m di larghezza.
Amministra il Centro nazionale di conservazione della biodiversità mediterranea di Porquerolles, che si incarica della salvaguardia della flora selvaggia e delle specie minacciate del Mediterraneo. Creato il 15 febbraio 1979, è diventato ente di interesse nazionale nel 1990. Attualmente interviene su una vasta area che include le regioni Linguadoca-Rossiglione e Provenza-Alpi-Costa Azzurra.
Dal 1999 si occupa, per la parte francese, del Santuario Pelagos, riserva di 87.000 kmq per i mammiferi marini nel Mediterraneo sorta da un accordo tra Francia, Italia e Principato di Monaco.

La legge del 14 aprile 2006 modifica profondamente il funzionamento dei parchi nazionali in Francia. L’obiettivo di tale legge è quella di associare ai parchi le collettività territoriali nei quali essi sono inseriti. La superficie di attività del parco quindi aumenta sensibilmente.
Per il Parco nazionale di Port-Cros questa ridefinizione dei perimetri avrà termine proprio quest’anno.

Strategicamente collocate vicine all’importante porto militare di Tolone le isole ospitano tre forti (Fort du Moulin, de l’Eminénce e de Port Man) voluti da Richelieu e costruiti durante il XVIII secolo.

Per quanto riguarda l’aspetto più prettamente naturalistico nelle acque del Parco si trovano tutte le principali specie pelagiche tipiche del Mediterraneo, mentre se ci si sposta sulla terra ferma sicuramente sono degne di nota le numerose specie di uccelli (falco pellegrino, aquila dagli stivali e gabbiamo reale), anche migratori, che trovano rifugio nell’area protetta.

Per quanto riguarda la flora, il Parco ospita le principali piante che costiutiscono la tipica macchia mediterranea.

(Matteo Arrotta)

medAlp

L'Associazione medAlp si occupa di sviluppare progetti sul territorio dell’Euroregione Alpi-Mediterraneo (Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta, Rhone-Alpes, Provence-Alpes-Cote d’Azur) per far conoscere questa realtà e le opportunità che essa offre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *