homepageTurismo

In bici intorno al lago di Annecy

ETE09_OCT14_PL077

La pista ciclabile che segue il lago per trentasei chilometri è una vera meraviglia. Sempre in riva all’acqua, si sgomitola tra il lago, le montagne, la campagna. E in due pedalate, si lascia la pista e si trovano, tutti a portata di mano, spiaggette, villaggi, musei, sentieri…che piacere !

Pedalare dolcemente lungo le rive del lago più puro di Francia e ammirare le sue acque turchesi seguendo il vecchio tracciato della ferrovia (dunque relativamente piatto e senza grandi difficoltà) è un vero piacere.

L’itinerario di trentasei chilometri, fra Annecy e Ugine, attraversa i bei villaggi di Sevrier, Saint-Jorioz, Duingt e Doussard. Poi, è la campagna, le mucche savoiarde con i loro campanacci, e la montagna sullo sfondo. Ognuno va al proprio ritmo e le occasioni per fermarsi sono infinite, così la giornata passa davvero in modo piacevole .

Voglia di fare il bagno nel lago ? La pista ha un accesso diretto alla spiaggia, libera e gratuita, di Les Marquisats o alle due spiaggette di Sevrier.

Numerosi camping, hotel, bed&breakfast e ristoranti si trovano a due passi dalla pista, e per gli altri, ancora più numerosi, bastano un paio di pedalate per raggiungerli. D’obbligo una sosta da « Chez ma Cousine » a Doussard, il bistrot aperto dalla famiglia Bise di Talloires.

Tutti quelli che amano la natura proseguiranno fino al « Sentier des Roselières », il sentiero dei canneti, fra Saint Jorioz e Duingt. Uno dei pochi sentieri che costeggia il lago davvero vicino vicino all’acqua.

Naturalmente, per approfittare della situazione per visitare i musei, passeggiare per la città vecchia d’Annecy, – che merita la deviazione -, decidere di lasciare la bicicletta per il tempo di una crociera sul lago, serve molto più di una giornata, per godersi tutte le meraviglie da scoprire.Nessun problema, la bicicletta è un cavallo d’acciaio paziente. Mentre voi vi godete tutto il resto, lei vi aspetta!

(rhonealpes-turismo)

Previous post

Il FAI propone di valorizzare la linea ferroviaria Torino-Nizza

Next post

SNCF potenzia i TGV tra Italia e Francia

1 Comment

  1. chiara
    5 luglio 2013 at 13:02

    Bisognerebbe fare qualcosa di simile anche in Italia!

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *