La Sindone “torna” a Chambery

Ad un anno dall’ostensione della Sindone VT-IT-ART-23653-Sindone

che avverrà a Torino nel 2015 una riproduzione del Lino fedele all’originale è stata consegnata stamattina dall’arcivescovo di Torino e Custode pontificio, Cesare Nosiglia, al suo omologo savoiardo, l’arcivescovo Philippe Ballot. “È più di un regalo – ha detto monsignor Ballot – La Sindone ci fu tolta non per nostra volontà, adesso è come se ci venisse restituita”. La copia tornerà ad essere esposta nella Sainte Chappelle del Palazzo Ducale, dove i Savoia la custodirono per quasi un secolo fino al trasferimento nel 1578 dalla città transalpina alla nuova capitale di Emanuele Filiberto. Proprio nella Sainte-Chapelle, il 4 dicembre 1532, si sviluppò l’ incendio che ha causato al Lenzuolo notevoli danni, riparati nel 1534 dalle Suore Clarisse della città.

Una delegazione della diocesi torinese, guidata da Nosiglia, oggi è in visita alle autorità ecclesiastiche e civili di Chambery nell’ambito delle relazioni consolidate tra le due città, gemellate dal 19 maggio 1957, e le due diocesi in vista dell’ostensione del Sacro Lino programmata per da domenica 19 aprile a mercoledì 24 giugno 2015.

Prima della consegna della copia del Telo, nel corso di una messa nella Sainte Chappelle, l’arcivescovo Nosiglia e il presidente della Provincia di Torino, Antonio Saitta, ha incontrato il collega Hervé Gaymard, presidente del Consiglio generale della Savoia.

medAlp

L'Associazione medAlp si occupa di sviluppare progetti sul territorio dell’Euroregione Alpi-Mediterraneo (Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta, Rhone-Alpes, Provence-Alpes-Cote d’Azur) per far conoscere questa realtà e le opportunità che essa offre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *