CulturaTurismo

Siti Unesco: Sacri Monti (II – Crea,Orta)

image

Continuiamo la visita virtuale al primo dei siti Unesco nell’Euroregione Alpi-Mediterraneo: I Sacri Monti del Piemonte.
Dopo aver parlato del Sacro Monte di Varallo Sesia proseguiamo con S.ta Maria Assunta di Crea e San Francesco di Orta.

Sacro Monte di Santa Maria Assunta di Crea (1589)
Secondo in ordine cronologico è il Sacro Monte di Crea, situato in posizione elevata in provincia di Alessandria, cosa che permette una eccezionale vista panoramica sulle colline circostanti e sulla catena alpina. Su questo bellissimo monte la storia vuole che verso il 350 dopo Cristo S.Eusebio abbia edificato un santuario in onore della Madonna e che circa dieci anni dopo sempre S.Eusebio abbia portato dall’Oriente tre statue della Vergine; una sarebbe rimasta qui, una sarebbe stata portata al santuario di Oropa (AL) e una in Sardegna.
Nel 1589 il priore di Crea Costantino Massino progetta l’ampliamento del preesistente santuario con una serie di cappelle (oggi 23) dedicate ai misteri della vita e al trionfo della Madonna.
Vi è poi anche un intervento ottocentesco, ma il concetto di base non è cambiato e i fedeli e anche i semplici turisti hanno qui a disposizione alcune cappelle uniche. La cappella detta “Salita al Calvario”, opera di Leonardo Bistolfi, ha senza dubbio una grande intensità emotiva, mentre quella più complessa e spettacolare è la cappella dell’”Incoronazione di Maria” detta anche del “Paradiso”, costruita proprio in cima al monte e con al suo interno una scena unica: Maria incoronata da uno stuolo di 175 angeli sospesi al soffitto e circondata da una corona di beati di oltre 300 statue.

Parco Naturale ed Area attrezzata del Sacro Monte di Crea
Cascina Valperone, 1
15020 Ponzano Monferrato (AL)
Tel:  +39 0141927120
Email: parco.smcrea@reteunitaria.piemonte.it

Sacro Monte di San Francesco di Orta San Giulio (1590)
Posteriore di solo un anno rispetto a quello di Crea, il Sacro Monte di Orta racchiude molte particolarità. Innanzitutto l’ambientazione che seppur simile agli altri in quanto collinare e in mezzo ai boschi, a questo aggiunge la magia del vicino lago d’Orta e la particolare disposizione delle venti cappelle di cui si compone: i lavori, iniziati nel 1590 per volontà dell’abate novarese Amico Canobio e affidati al padre cappuccino Cleto Castelletto, dispongono un itinerario devozionale a spirale ascendente verso la sommità dell’altura.
Altra peculiarità del sito è la ricchezza di stili e forme differenti. La realizzazione, infatti, si protrae fino al tardo Settecento per cui il grande avvicendarsi di artisti permette al Sacro Monte di racchiudere soluzioni architettoniche tardo rinascimentali, barocche, poi rococò e infine neoclassiche con la costruzione della Cappella Nuova, rimasta incompiuta.
Ultimo, ma non per importanza, è il fatto che questo Sacro Monte si distingue dagli altri in quanto il tema proposto non è Cristo o la Madonna, bensì la vita di un santo, cioè San Francesco d’Assisi.

Riserva naturale speciale del Sacro Monte di Orta
Via Sacro Monte
28016 Orta San Giulio (NO)
Tel:  +39 0322911960
Email: monteorta@tin.it

(Marco Parella)

Previous post

Top Ten in PACA

Next post

Siti Unesco: Residenze dei Savoia (I - Palazzo Reale di Torino)

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *