TAV: al via gli scavi del tunnel di Chiomonte


Dopo anni di polemiche e proteste (ancora non sopite), di sondaggi e di lavori preparatori ieri è cominciato lo scavo della galleria di Chiomonte, che sarà l’unica discenteria italiana del tunnel di base della linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione. Di gallerie simili ne sono state già costruite due in territorio francese e quella italiana segna l’inizio dei veri e propri lavori legati al tunnel ferroviario nel nostro Paese.

Non a caso i lavori sono cominciati questa settimana, lunedì prossimo infatti a Lione si incontreranno Monti e Hollande in uno dei numerosi incontri bilaterali Italia-Francia dove si discuterà di molti argomenti, primo tra tutti la Torino-Lione appunto.

Qui di seguito vi riportiamo la’rticolo apparso sul blog di LTF — Lyon Turin Ferroviaire (la società che cura i lavori del tunnel) riguardo l’inizio degli scavi in Italia:

È stato avviato oggi lo scavo per il cunicolo esplorativo della Nuova Linea Torino Lione, alla Maddalena di Chiomonte, primo cantiere italiano per l’opera, operativo dall’estate 2011 sotto la supervisione di LTF-Lyon Turin Ferroviaire.

La galleria geognostica permetterà di conoscere meglio la struttura del massiccio in cui passerà la linea; servirà inoltre ad accedere al cantiere del futuro tunnel transfrontaliero e, una volta che il collegamento ferroviario sarà in servizio, sarà utilizzata per la ventilazione e la manutenzione della galleria e come passaggio di sicurezza. Sarà lunga complessivamente oltre 7,5 km con un diametro di 6 metri e 30 centimetri.Prima dello scavo del cunicolo esplorativo, sono state realizzate le opere propedeutiche, tra cui gli abbassamenti del terreno e l’impianto di gestione delle acque.

Il cronoprogramma dei lavori prevede lo scavo dei 240 metri iniziali di galleria con metodo tradizionale, con l’uso di escavatore ed eventualmente martello demolitore nella prima parte, sarà poi valutato l’utilizzo dell’esplosivo. Dalla seconda metà del 2013, quando il cunicolo sarà entrato nella roccia, sarà impiegata la fresa che scaverà i restanti 7300 metri.  La maggior parte del materiale proveniente dallo scavo sarà convogliato all’esterno del tunnel dai nastri trasportatori e poi portato verso il deposito interno al cantiere, che sarà oggetto di ripristino ambientale. Il cunicolo esplorativo è il corrispondente italiano delle 3 discenderie già realizzate sul versante francese a Villarodin-Bourget/Modane, a Saint-Martin-la-Porte e a La Praz, scavate oltre confine tra luglio 2002 e giugno 2010.

Per il completamento della galleria geognostica italiana sono previsti 50 mesi di lavori che creeranno occupazione per circa un centinaio di lavoratori diretti” .

(M.A.)

medAlp

L'Associazione medAlp si occupa di sviluppare progetti sul territorio dell’Euroregione Alpi-Mediterraneo (Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta, Rhone-Alpes, Provence-Alpes-Cote d’Azur) per far conoscere questa realtà e le opportunità che essa offre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *