I problemi delle ferrovie euroregionali

Mentre si parla sempre più di Alta velocità e di tunnel sotto il Moncenisio per la Torino – Lione, il problema delle comunicazioni ferroviarie all’interno dell’Euroregione Alpi-Mediterraneo è ben lungi dall’essere risolto. A fronte di cantieri faraonici e di altrettanto faraonici investimenti, i frontalieri all’interno della nostra Euroregione devono affrontare numerosi problemi.

L’ultimo in ordine di tempo riguarda la storica linea ferroviaria Cuneo – Nizza che dal 13 dicembre prossimo (lo stesso giorno in cui sarà aperta la linea ad alta velocità Torino – Milano che permetterà di collegare i due capoluoghi in un’ora di treno) vedrà la cessazione del servizio diretto tra le due città, obbligando i passeggeri ad un trasbordo dal convoglio italiano a quello francese alla stazione di Breil. Questo perché i convogli italiani e francesi rispettano solo le normative di sicurezza del proprio Paese e dunque non possono viaggiare all’estero…

Un problema simile affliggeva i TGV che garantiscono il collegamento Milano – Parigi, via Torino e Lione e solo di fronte alla reale possibilità di cancellazione del servizio sono stati trovati i soldi per equipaggiare i convogli con entrambi i sistemi di sicurezza.

Infine permane ormai da diversi anni il grave problema della linea Torino – Modane che a causa di lavori sotto il tunnel ferroviario del Fréjus termina a Bardonecchia da dove parte un servizio sostitutivo su gomma per la cittadina savoiarda. Ultimamente il prezzo di questo servizio è stato diminuito ma fino alla scorsa estate costava più il biglietto Bardonecchia-Modane che quello da Torino a Bardonecchia!

Questi sono solo alcuni esempi che dimostrano come uno dei problemi fondamentali per la nostra Euroregione, cioè permettere lo spostamento al suo interno sia ben lungi dall’essere superato. Forse insieme ai grandi progetti, necessari per garantire la competitività delle nostre regioni, sarebbe il caso di affrontare anche quelli più piccoli ma che non per questo causano meno problemi alla popolazione.

Speriamo che l’Euroregione possa far fronte a questi problemi in maniera determinante e risolutiva.

(Matteo Arrotta)

medAlp

L'Associazione medAlp si occupa di sviluppare progetti sul territorio dell’Euroregione Alpi-Mediterraneo (Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta, Rhone-Alpes, Provence-Alpes-Cote d’Azur) per far conoscere questa realtà e le opportunità che essa offre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *