Il Festival Electrochoc

electrochoc4_aff09_jpg_400

Dopo tre edizioni, il Festival Electrochoc torna dal 26 marzo all’11 aprile 2009 a Bourgoin-Jallieu (Rhône Alpes).

Organizzato dalla scena musicale di Actuelles Les Abattoirs, è un momento di scoperta e di piacere per gli occhi e le orecchie. Per la sua quarta edizione, il Festival vuole essere più ambizioso sul fronte della musica elettronica e dei media digitali.

Già molto attiva sul piano culturale e musicale con gli Abattoirs, Bourgoin-Jallieu vuole imporsi come un punto di riferimento sulla scena elettronica con il suo Festival Electrochoc.

Per questa nuova edizione, il Festival lascia anche uno spazio sempre più importante alle arti digitali pur lasciando alle musiche elettroniche il posto centrale.

Electrochoc presenterà una selezione elettronica che rappresenta le sue correnti, dal jazz passando per il dub, l’hip hop e la world music. Il Festival accoglierà Rinôçérôse, Juno Reactor, Marcelinho Da Lua, i Monstroplantes, Zong, Cercueil, Beat Torrent…

Un primavera elettronica e digitale in cui prosperano tutte quelle creazioni che esistono lontano dai sentieri battuti, lontano da una realtà poco incline alla scoperta. Ce ne sarà per tutti i gusti sui palchi in questo inizio di primavera 2009 per una quarta edizione che saprà trasportarvi verso nuove terre, andando dal Perù all’Africa del Sud ed ancora ad altre ancora da scoprire.

In totale, saranno presentate otto serate durante le tre settimane del Festival.

Dal punto di vista delle tariffe, i prezzi sono compresi tra i 10 e i 15 euro. Tariffa ridotta per gli studenti, i disoccupati e i giovani con meno di 26 anni.

Tutte le informazioni e il programma sono sul sito ufficiale

Tutti i biglietti sono in vendita nelle rivendite abituali www.fnac.com e www.ticketnet.fr

(Sara Minucci)

medAlp

L'Associazione medAlp si occupa di sviluppare progetti sul territorio dell’Euroregione Alpi-Mediterraneo (Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta, Rhone-Alpes, Provence-Alpes-Cote d’Azur) per far conoscere questa realtà e le opportunità che essa offre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *