Incontro Francia – Italia, le grandi infrastrutture per AlpMed

Il 24 Febbraio si è svolto a Roma, a Villa Madama, un incontro bilaterale tra Italia e Francia ai massimi livelli, dove erano presenti il Presidente francese Sarkozy e il Presidente del Consiglio italiano Berlusconi.

Numerosi i temi in agenda, alcuni dei quali interessano direttamente la nostra Euroregione. I più importanti riguardano le infrastrutture stradali e ferroviarie che serviranno a migliorare i collegamenti tra Italia e Francia.

Al vertice erano presenti anche  il ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli e il suo omologo francese Jean-Louis Borloo che hanno sottoscritto alcuni accordi che riguardano la realizzazione di nuove opere stradali e la messa in sicurezza di quelle già esistenti; verrà realizzata una nuova galleria al Colle di Tenda, per permettere una comunicazione migliore e più sicura di quella che permette il vecchio tunnel ottocentesco oggi, e verranno aumentati i sistemi di sicurezza nei tunnel del Frejus e del Monte Bianco, due dei maggiori trafori europei.

Anche le infrastrutture ferroviarie sono state naturalmente al centro dei dialoghi tra le due rappresentanze. Da un parte si è discusso circa l’incremento  dell’autostrada ferroviaria alpina (Afa), che collega lo scalo merci di Orbassano (Torino) a quello di Aiton e che permette di imbarcare i tir e farli viaggiare sul treno, ma al centro dei lavori vi è stata sicuramente la questione della  Tav, la linea ferroviaria Torino-Lione. “Con il collega Borloo – ha detto Matteoli – abbiamo condiviso la necessità di rispettare un cronoprogramma che consenta già nei prossimi mesi la definizione del progetto della Torino-Lione, in modo da non ritardare l’attuazione di un’opera essenziale per l’economia dei due Paesi e dell’Europa”.

(Matteo Arrotta)

 

medAlp

L'Associazione medAlp si occupa di sviluppare progetti sul territorio dell’Euroregione Alpi-Mediterraneo (Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta, Rhone-Alpes, Provence-Alpes-Cote d’Azur) per far conoscere questa realtà e le opportunità che essa offre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *